L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
Speciale

Impianti sportivi, nuove tecniche di manutenzione

Un convegno tenutosi nell’ambito dell’EIMA ha messo a fuoco le problematiche relative alla gestione dei manti erbosi. Tecniche appropriate consentono lo svolgimento ottimale delle attività sportive e contribuiscono a ridurre il rischio di infortuni

a cura della Redazione
dicembre 2021 | Back

“Se mettessimo in un campo sportivo l’impianto di irrigazione di un giardino rischieremmo di mandare in ospedale qualche giocatore”. A spiegare le differenze tra i due sistemi di irrigazione, in un seminario organizzato all’interno di EIMA, è stato Lino Piva, responsabile per la formazione tecnica della Toro Irrigazione, il quale ha fatto vedere come gli erogatori che vanno bene per un qualsiasi giardino, potrebbero rompere un ginocchio a un calciatore che scivola mentre cerca di raggiungere il pallone.

«È per questo che in un campo sportivo, non solo di calcio, gli erogatori che vengono messi nel terreno, oltre ad essere interrati, devono anche essere ricoperti di plastica morbida. Ma i rischi per uno sportivo vengono anche da una errata distribuzione dell’acqua. Se in un punto del campo arriva un eccesso d’acqua, il terreno rischia di diventare fangoso e di provocare cadute agli atleti in piena azione. Allo stesso modo, un terreno secco, può provocare distorsioni a chi, per esempio, prova a fare una torsione con il piede: la scarpetta potrebbe piantarsi sul terreno troppo asciutto mettendo a rischio i legamenti».

Ma non basta regolare l’impianto di irrigazione in modo da fare arrivare l’acqua in modo uniforme su tutto il terreno di gioco. Gli impiantisti devono tenere conto anche del fatto che le condizioni climatiche non sono uniformi. E quindi l’irrigazione deve compensare queste differenze. Se per esempio, un campo di calcio rimane in ombra solo parzialmente, è necessario che in quella parte arrivi meno acqua della porzione sulla quale il sole batte più a lungo.

Per ottenere questi risultati, gli impianti specializzati sono ormai digitali e programmabili e ad occuparsene è una figura specializzata, il Groundsman, o anche Green keeper, che a sua volta si basa su un progetto studiato appositamente per ogni impianto sportivo da un agronomo, anch’egli specializzato.

Gallery

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

17 - 19 gennaio 2022 Orlando, FL (USA) AED SUMMIT & CONDEX
18 - 20 gennaio 2022 Brandon Keystone Centre - Manitoba (Canada) AG DAYS
21 - 30 gennaio 2022 Berlino (Germania) INTERNATIONAL GREEN WEEK DIGITAL
26 - 29 gennaio 2022 Verona (Italia) FIERAGRICOLA
26 - 29 gennaio 2022 Budapest (Ungheria) AGRO+MASHEXPO
27 - 29 gennaio 2022 Belgrado (Serbia) AGRO BELGRADE