L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
Primo Piano

Energia: cooperazione italo-indiana nel settore delle biomasse

La rassegna internazionale di EIMA Agrimach ha ospitato un convegno, organizzato da FederUnacoma e Itabia, sulle tecnologie e sulle strategie per l'utilizzo delle biomasse agricole come fonte energetica. Stimata in 623 milioni di tonnellate la quantità di biomassa disponibile nel Paese, un potenziale che può alimentare una fiorente industria dell'energia con notevoli ricadute anche sul piano dell'occupazione

a cura della Redazione
Gennaio 2014 | Back

Le biomasse d’origine agricola sono, per l’India, una fonte energetica di vitale importanza. Oltre il 50% dell’energia utilizzata nei territori rurali e oltre il 40% di quella erogata nelle aree urbane proviene da residui agricoli e forestali. Le tecnologie qui utilizzate per la conversione energetica di queste materie combustibili sono tuttavia ancora poco efficienti nonostante il buon livello delle tecnologie oggi disponibili sul mercato. In effetti, gli impianti diffusi in India sfruttano appena il 10% del potenziale energetico della biomassa (si può arrivare al 90%) e le emissioni di CO2 conseguenti alla combustione potrebbero essere notevolmente ridotte. Questi dati, che emergono da indagini specifiche realizzate da centri di ricerca indiani come il Teri (The Energy and Resource Institute), il Tifac (Technology Information, Forecasting & Assessment Council) e la Nsso (National Sample Survey Organisation), sono stati diffusi nel corso del workshop sul tema “Biomass: a valuable resource for sustainable development”, promosso da FederUnacoma e Itabia e svoltosi a New Delhi nell’ambito di EIMA Agrimach, la rassegna internazionale della meccanizzazione agricola. La quantità di biomasse residuali disponibili in India – secondo uno studio svolto dal Tifac su 10 Stati del Paese – corrisponde annualmente a circa 623 milioni di tonnellate, comprendenti paglie di riso e di grano, bagasse di canna da zucchero e lolla di riso, cotone, leguminose, residui di bambù. Negli ultimi anni l’India ha attivato diversi programmi governativi per promuovere le tecnologie più idonee all’impiego sostenibile delle biomasse, e su questi temi si sono incentrati gli interventi dei partecipanti all’incontro, nell’ordine Lidia Szpyrkowicz, consigliere scientifico dell’ambasciata italiana a Delhi, Sangita Kasture, del dipartimento biotecnologie del ministero indiano della scienza e tecnologia, Neta Sharma, coordinatore del progetto Enea “Sahyog”, Priyangshu Manab Sarma e Piyush Joshi del Teri, Neera Bhalla Sarin e Indu Shekhar Thakur della Jawahallal University, e Vito Pignatelli, presidente di Itabia. L’impiego delle biomasse come risorsa energetica può dunque alimentare una consistente industria dell’energia, significativa anche per le ricadute in termini di occupazione. L’indotto che deriva dalle filiere produttive connesse alla bioenergia è infatti in grado di generare un numero di posti di lavoro, a parità di energia prodotta,  circa 100 volte superiore rispetto a quelli possibili nel settore dei combustibili fossili. Il primo risultato dell’incontro di New Delhi è stato la costituzione di un gruppo di lavoro italo-indiano, con l’obiettivo di valutare le priorità d’intervento in tema di biomasse energetiche, e di sviluppare forme di cooperazione che mettano il know how italiano al servizio delle esigenze e dei progetti del Subcontinente indiano.

Gallery

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

20 - 23 giugno 2024 Edimburgo (UK) ROYAL HIGHLAND SHOW
25 - 27 giugno 2024 The NEC, Birmingham (UK) GLEE
28 giu. - 13 lug. 2024 Mwalimu Nyerere International Fair Ground, Dar es Salaam (Tanzania) SABA SABA