L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
Primo Piano

Agricoltura di qualità, appuntamento a Bastia Umbra

L'agricoltura del centro Italia protagonista di Agriumbria, la rassegna che dal 1968 espone quanto di meglio propone il settore primario in termini di produzioni e tecnologie. In mostra macchine, capi di bestiame e prodotti enogastronomici all'insegna dell'eccellenza. In programma la conferenza dell'Osservatorio Agriumbria sul consumo di carne di qualità, la presentazione di EIMA Show Umbria, e la proclamazione dei vincitori del Premio Antonio Ricci

a cura della Redazione
marzo - aprile 2017 | Back

 

Una superficie espositiva complessiva di 50 mila metri quadri, 420 aziende partecipanti e 75 mila visitatori attesi: questi i numeri della 49ma edizione di Agriumbria, la rassegna dedicata ad agricoltura, zootecnia e alimentazione in programma a Bastia Umbra (PG) dal 31 marzo al 2 aprile 2017. Presso il quartiere fieristico di UmbriaFiere viene proposta una panoramica completa delle varie filiere agricole con mezzi e attrezzature, dispositivi e servizi per i vari processi produttivi, con un’ampia esposizione di prodotti finali, a testimonianza dell’eccellenza qualitativa dell’agroalimentare italiano. Sul fronte meccanico-agricolo sono presenti le case madri dei maggiori marchi di settore con le più recenti proposte per ogni tipo di lavorazione nel segno di un’agricoltura sempre più innovativa, efficiente e rispettosa dell’ambiente. Il capitolo zootecnico rappresenta come sempre una parte importante della rassegna, con oltre 600 capi esposti di tutte le razze italiane da carne. Al consumo di carne in Italia, Agriumbria dedica un Osservatorio che viene presentato in apertura di manifestazione, “pensato perché la nostra fiera – secondo le parole del presidente di UmbriaFiere, Lazzaro Bogliari – ha come core business quello delle carni di qualità, settore che, in controtendenza col calo dei consumi generali di carne, è cresciuto». In questo contesto numerose le mostre previste. Si segnalano fra le altre, quella organizzata dall’associazione degli allevatori bovini da carne Anabic in collaborazione con l’Associazione Regionale Allevatori, dedicata alle razze Chianina, Romagnola, Marchigiana, Maremmana e Podolica; la Mostra Nazionale della razza ovina Appenninica, appartenente al Libro Genealogico Assonapa (Associazione Nazionale della Pastorizia) e la Mostra-Mercato delle razze cunicole italiane, iscritte all’Anci (Associazione Nazionale Coniglicoltori Italiani). Altrettanto numerose le iniziative promosse a Bastia dalle associazioni di comparto. Coldiretti Umbria propone il Villaggio di Campagna Amica, un vero e proprio mercato dove i produttori aderenti alla confederazione presentano il meglio della produzione agroalimentare territoriale con formaggi, vini, prodotti da forno piante e fiori. Confagricoltura Umbria organizza due momenti di incontro, entrambi ospitati presso la Sala Europa Assoprol. Il primo si tiene il 31 marzo ed è realizzato in collaborazione con l’Associazione Umbra Frantoi Oleari (Aufo), sui principali patogeni dell’olivo e le conseguenze che la lotta incontrollata può causare sulla qualità e salubrità del prodotto finale. Il secondo è in programma per il 1° aprile, ed illustra i progetti di cooperazione presentati alla Regione Umbria nell’ambito del PSR, per l’agricoltura di precisione e le previsioni meteo-climatiche. Nella stessa giornata è previsto anche un momento di approfondimento da parte dell’Associazione dei Contoterzisti Umbri, aderente ad Uncai. In occasione della rassegna viene poi presentata l’edizione 2017 di EIMA Show – le giornate dimostrative di meccanizzazione agricola che FederUnacoma promuove dal 1992 in differenti siti agricoli della Penisola – che quest’anno hanno luogo proprio in Umbria. Organizzate dalla Federazione congiuntamente con Coldiretti Umbria, UmbriaFiere, Università di Perugia e di due istituti ad essa collegati – Fondazione per l’Istruzione Agraria e Centro per lo sviluppo agricolo e rurale – le prove in campo sono in programma per il 28 e 29 luglio prossimo e sono dedicate a macchine e attrezzature per l’agricoltura di precisione. La conferenza ufficiale di lancio di EIMa Show Umbria – ospitata presso l’azienda agricola Casalina di Deruta – è calendarizzata per venerdì 31 marzo alle ore 15 presso la Sala A del centro congressi di Agriumbria e vede la partecipazione dei presidenti delle varie istituzioni promotrici e dell’Assessore all’agricoltura della Regione Umbria, Fernanda Cecchini. Come già annunciato nei mesi precedenti, durante l’inaugurazione della Fiera vengono premiati i vincitori del premio “Antonio Ricci”, promosso dall’ente fieristico umbro in collaborazione con l’Università di Perugia e la casa editrice Edagricole per ricordare il giornalista scomparso lo scorso anno.


Tecnologie “di precisione” per colture specializzate

di Alessio Bolognesi

L’evento dimostrativo di macchine e tecnologie EIMA Show, che avrà luogo in Umbria a fine luglio, rappresenta un’occasione particolarmente interessante per vedere i sistemi informatici ed elettronici più avanzati applicati non già alle grandi colture estensive ma alle produzioni specializzate tipiche di un territorio collinare come quello umbro. In effetti, “agricoltura di precisione” (o “precision farming” per dirla all’inglese) è una definizione che ci siamo ormai abituati a sentire molto spesso, ma quasi sempre in contesti legati alle colture estensive, ai campi di grandi dimensioni del Nord Europa o dell’America. Questo per motivi puramente storici ed economici: in origine i costi delle tecnologie abilitanti all’agricoltura di precisione erano tali da poter essere giustificati solo se implementati su trattrici ed attrezzi costosi e di grandi potenze. Sappiamo però bene come la tecnologia – e lo vediamo ogni giorno anche con i nostri smartphone – si sia sviluppata e diffusa sempre più facendo calare i costi oltre che le dimensioni dei prodotti. Ecco quindi che tecnologie che sembravano un tempo impensabili sulle macchine agricole destinate alle colture intensive e specializzate stanno ora divenendo una realtà. Oggi è infatti possibile installare sistemi GPS, di guida autonoma, sensori NIR e ogni altra tecnologia anche su macchine destinate a tali applicazioni con costi sostenibili per le aziende. Immaginiamo una situazione nella quale, lavorando ad esempio nel vigneto, si possa fruire di tecnologia GPS: le macchine potrebbero lavorare in maniera semi-autonoma sulla base di mappature del campo che tengano conto dell’irraggiamento, dell’umidità, della ventilazione, della composizione del suolo in quell’area specifica e così via. Pensiamo di avere sensori sulla macchina e sul campo che misurano in tempo reale fattori quali l’umidità del suolo o  che verificano il colore in relazione allo stato di crescita delle piante: le nostre macchine potrebbero adattare in maniera autonoma la lavorazione per tenere conto dei parametri rilevati dai sensori al fine di ottimizzare trattamenti e operazioni. E ancora, pensiamo di avere software e servizi informatici: utilizzando algoritmi predittivi ed intelligenza artificiale, si possono programmare gli interventi tenendo conto dei dati raccolti nelle lavorazioni precedenti dalle macchine e dai sensori o considerando un’enorme mole di altre informazioni provenienti da altri sistemi connessi in rete (stazioni meteo, aziende limitrofe e così via). Il risultato di tutto ciò è quello di potere eseguire una lavorazione sempre precisa e tarata in maniera specifica per ogni area del campo o, addirittura, per ogni pianta, consentendo così di risparmiare materie prime, avere un prodotto di qualità migliore e in maggiore quantità. Non siamo affatto lontani da tali risultati ma occorre diffondere le informazioni e le conoscenze necessarie per far comprendere quanto queste tecnologie, se utilizzate nel modo giusto, possano tradursi non solo in un vantaggio economico per le aziende agricole ma anche – se non soprattutto – in un prodotto più sano cresciuto lavorando le nostre terre in maniera virtuosa e sempre più eco-compatibile.

Gallery

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

4 - 6 ottobre 2022 Jonkoping (Svezia) ELMIA PARK
3 - 6 ottobre 2022 Expo Porte de Versailles, Parigi (Francia) BATIMAT
4 - 7 ottobre 2022 Mosca Crocus Expo (Russia) AGROSALON
4 - 6 ottobre 2022 Helsinki, Finlandia FINNBUILD
4 - 8 ottobre 2022 Bursa (Turchia) BURSA AGRICULTURE
5 - 7 ottobre Adelaide Convention Centre (Australia) IRRIGATION AUSTRALIA