L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
News

Seppi M.: la nuova fresaceppi STAR-FC

La fresatrice STAR-FC di Seppi M. è un mezzo ideale per la bonifica dei terreni e la stabilizzazione del sottosuolo in spazi stretti. Maggiore larghezza di lavoro, maggiore potenza del motore e sistemi che agevolano le impostazioni di lavoro sono i punti di forza della nuova attrezzatura

a cura della Redazione
Aprile 2016 | Back

Presentata al Bauma 2016 la nuova versione della testata idraulica STAR-FC di Seppi M. Più leggera e potente della precedente, la nuova fresaceppi è una macchina dedicata agli escavatori da 15-35 t hyd. Nato come fresa/trinciatrice ibrida destinata ad una varietà di impieghi, questo attrezzo è adatto per lavori di trinciatura fino 40 cm Ø, di fresatura di ceppaie e di frantumazione di sassi da 15 cm Ø fino a 30 cm in profondità, e risulta ideale per la bonifica di terreni incolti, l’eliminazione di ceppi su pendii e la stabilizzazione del sottosuolo in spazi ristretti. Lo speciale concetto di trasmissione permette alla STAR-FC di variare la velocità del rotore semplicemente premendo un pulsante in cabina. Inoltre, l’operatore può vedere in ogni momento la velocità di rotazione, grazie ad un apposito display. A seconda della lavorazione l’operatore può scegliere sempre il modo migliore per lavorare. E proprio questa è l’innovazione che più di qualsiasi altra distingue la fresa STAR-FC dalle classiche trinciatrici o frantumasassi. Il cambio velocità consente di aumentare il numero di giri del rotore per trinciare la legna, o viceversa di abbassarlo per macinare pietre e fresare il terreno. La nuova fresaceppi di Seppi M. Può essere fornita con uno o due motori tipo M-BOOST™ con velocità regolabile e con comandi elettrici a distanza. Questo tipo di motore garantisce massima potenza ed efficienza sviluppando coppie molto elevate. La massima potenza viene ricavata applicando i due motori idraulici, così che la macchina possa essere azionata con portate idrauliche estremamente alte, ed avere una resa eccellente. Aumentata anche la dimensione della macchina, che ora è disponibile con la larghezza di lavoro di 125 centimetri, e migliorata la manutenzione, divenuta molto più semplice. Le piastre di usura possono essere cambiate facilmente, essendo le stesse avvitate al telaio, e i motori sono facilmente accessibili. La costruzione è in materiale molto resistente ma leggero, con piastre intercambiabili di Hardox®, rotore brevettato di nuova generazione con una combinazione efficace di utensili del nuovo tipo  MONO PROTECT™ e MONO EXTREM™ con inserti supplementari di carburo tungsteno sui punti soggetti ad usura; mentre una sostituzione più facile e veloce dei martelli garantisce minori fermi improduttivi. Il cofano è regolabile idraulicamente con un cilindro molto robusto. Tale regolazione permette di lavorare con maggiore profondità e più vicino al materiale sminuzzato, garantendo sempre la massima sicurezza, garantita anche dalla protezione a doppie catene. A scelta sono disponibili diversi tipi di attacco per escavatori specifici o anche la sella di rotazione per 190°, che permette di lavorare in due direzioni senza spostare l’escavatore.

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

24 - 26 luglio 2024 Tokyo Big Sight East Hall (Giappone) TECHNO-FRONTIER
26 - 29 luglio 2024 Libramont (Belgio) LIBRAMONT
30 lug. - 1 ago. 2024 Jakarta (Indonesia) INAGRITECH