L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
News

MAXIFORST, il nuovo modello di SEPPI M.

di Emanuele Bredice
maggio - giugno 2021 | Back

Le trinciatrici forestali di media ed alta potenza sono un aiuto prezioso nella silvicoltura e nella cura dell’ambiente. Ultimamente queste macchine vengono utilizzate anche per la pulizia e l’abbattimento delle piante colpite dai parassiti, che infestano boschi e foreste. In questo lavoro non sono solo importanti le prestazioni ma anche la resistenza a condizioni di lavoro difficili, come le grandi quantità di ramaglie nelle quali è possibile trovare pietre e terra, che incidono sulla vita della macchina. Per questi lavori SEPPI M. ha deciso di sviluppare la seconda generazione della trinciatrice forestale MAXIFORST. Rinnovata nei contenuti tecnici e nel design, la nuova trinciatrice integra affidabilità, semplicità di utilizzo e le ultime innovazioni tecnologiche del settore.

La nuova macchina è stata progettata per essere abbinata a trattori con un range di potenza da 300 a 500 Cv, e con grande resistenza alle sollecitazioni, garantita – sostiene l’azienda altoatesina – dalla costruzione in acciaio antiusura AR400 con l’aggiunta di piastre in HARDOX nella cassa di triturazione, che tra l’altro possono essere sostituite a fine ciclo. Da segnalare che le slitte, sempre in acciaio antiusura, hanno la piastra intercambiabile, soluzione che evita di dover cambiare tutta la parte, sostituendo solo la sezione usurata.

La trasmissione è stata rivista, la scatola centrale ha il sistema di allineamento ADAM, che permette l’inclinazione idraulica della trinciatrice assecondando al meglio l’andamento del terreno, mentre la trasmissione del moto al rotore è data dal sistema a sei cinghie trapezoidali per lato. MAXIFORST può essere equipaggiata con il sistema di avviamento a giunti idrodinamici M-TURBO, (sostituisce il precedente ad innesti centrifughi meccanici) e con un avviamento dolce del rotore e una migliore protezione agli urti sulla presa di forza del trattore. Inoltre è stata prevista una nuova ventilazione che, unita al sistema di raffreddamento integrato, protegge l’intero sistema dal surriscaldamento, migliorando in questo modo la tenuta dei componenti. La temperatura può essere sempre tenuta sotto controllo direttamente dalla trattrice, sfruttando la tecnologia ISOBUS già nella versione base.

La velocità e la qualità del taglio sono assicurati – sottolinea la SEPPI M.– dal rotore con montaggio utensili brevettato V-LOCK. Tra i vantaggi di questo sistema ci sono: minore usura, migliore bilanciamento, cambio utensile più semplice e rapido, capacità di taglio fino a 60 cm di diametro, e il montaggio di utensili ad alta resistenza con inserto in carburo di tungsteno che, in combinazione con le cinque file di controlame, offrono una triturazione fine ed omogenea.

Video

Gallery

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

17 - 19 agosto 2021 Gunnedah, Nsw (Australia) AGQUIP FIELD DAYS
19 - 22 agosto 2021 - Nitra (Repubblica Slovacca) AGROKOMPLEX
25-27 agosto 2021 Slagelse (Danimarca) Have & Landskab