L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
Speciale

In evidenza ad EIMA il nuovo "elettrico" di Nobili

di Giovanni M. Losavio
ottobre 2021 | Back

Dal virtuale al reale. Dopo il debutto ufficiale, avvenuto lo scorso novembre sulla piattaforma di EIMA Digital Preview, le due attrezzature elettriche – l’atomizzatore E-SPRAYER e la trincia E-MULCHER – sviluppate dalla NOBILI di Molinella (Bologna), fanno tappa ad EIMA International 2021.

Il grande pubblico della rassegna può infatti “toccarle con mano” nel quadriportico e conoscere dal vivo tutte le loro innovative caratteristiche tecniche. Le due macchine, spiega con una nota la Nobili, sono alimentate dal generatore E-Source di New Holland posizionato sulla trattrice T4.110V, al quale vengono collegate attraverso una presa conforme agli standard AEF. Sull’E-SPRAYER sono presenti due motori elettrici che gestiscono uno la pompa l’altro il gruppo ventola, un dispositivo di dosaggio automatico, controllato dalla trattrice tramite sistema ISOBUS, presiede all’erogazione dei trattamenti.

Come anticipato nel numero di Mondo Macchina dello scorso marzo, la ventola presenta un regime di rotazione con sei diverse velocità, selezionabili sulla base degli specifici stati vegetativi della pianta; il movimento delle pale può essere invertito per pulire la griglia di protezione dalle foglie che in alcuni casi possono ostruirne il flusso. A bordo dell’E-MULCHER, un unico motore elettrico gestisce il rotore a rotazione reversibile (tale caratteristica permette alla macchina di trinciare diversi tipi di vegetazione, anche per quanto concerne il volume) mentre due attuatori lineari spostano la testata di taglio in posizione di lavoro. HF 95 – High performance Fan – è il gruppo ventola di ultima generazione installato sull’atomizzatore elettrificato. La pala brevettata WAVE BLADE è il cuore pulsante della famiglia HF.

Presentati come novità assoluta in EIMA 2021 su stand Nobili. La trincia elettrica di casa Nobili è equipaggiata con un dispositivo di avviamento e spegnimento elettronico che offre la possibilità di mantenere una velocità costante in fase di lavoro per avere una qualità di taglio ottimale. L’elettrificazione – spiega il costruttore con una nota tecnica – permette di migliorare non solo l’efficienza del sistema trattore-attrezzo ma anche l’agilità di manovra (si possono seguire traiettorie con angoli più pronunciati) della trincia poiché l’attrezzo non è più vincolato alla presa di forza. Dal punto di vista operativo, tali vantaggi comportano un significativo risparmio di carburante per ettaro, che, secondo quando dichiara il costruttore, arriva al 34% con E-SPRAYER e al 31% con E-MULCHER.

Gallery

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

30 giu. - 2 lug. 2022 Borrowdale Racecourse, Harare (Zimbabwe) ADMA AGRISHOW