L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
Speciale

Landini, la carica dei REX4

di Roberto Bonora
novembre 2023 | Back

Innovazione tecnica come elemento chiave per la produttività green. Su questo binario Landini approda ad Agritechnica presentando diverse novità sui REX4, una serie che sta diventando un’icona per il marchio di Argo Tractors. Dal REX4 Full Hybrid al REX4 Plat con cabina low-profile, passando per il REX 4-120 GT RoboShift “Dynamic”, tutti – come sottolineano a Fabbrico – con livrea azzurra metallizzata Blue Icon e cerchi neri.

Partiamo dal 4-120 GT RoboShift in versione Dynamic, in corsa per il “Tractor of the Year 2024” nella categoria Best Of Specialized. che monta motori Deutz AG a 4 cilindri, da 2,9 litri, Turbo Intercooler a iniezione elettronica Common Rail, Stage V e si presenta con cabina e assale anteriore sospesi (quest’ultimo disponibile anche in versione piattaforma) e il sistema fari Full-Led.

REX 4-120 GT RoboShift Dynamic è un trattore dotato di una trasmissione 48 AV + 16 RM con inversore elettro-idraulico e con marce di guida e HML completamente robotizzati, gestibili in modalità cambio automatico e facilmente controllabili dal Joystick SmartPilot Plus che riassume tutti i controlli necessari alla gestione delle operazioni di guida e lavoro e che si trova sul rinnovato bracciolo multifunzione regolabile. Riprogettata anche la console di destra che si inserisce nella nuova postazione di guida girevole, prima assoluta nella categoria dei trattori specialistici, con un’oscillazione che raggiunge i 16 gradi di rotazione verso destra – per una migliore gestione e visibilità nelle lavorazioni posteriori e ventrali – e 8 gradi verso sinistra – per accompagnare l’operatore durante l’ingresso e l’uscita dalla cabina –. Presente anche la funzione Stop & Action che disinnesta la frizione agendo sui pedali dei freni, a tutto vantaggio del comfort di guida.

Landini rimarca che il REX4 è stato il primo trattore specializzato con cabina sospesa meccanicamente su due ammortizzatori a molle che, unitamente all’assale anteriore con sospensione idraulica regolabile, assicura un livello di comfort superiore agli standard di categoria.

Da sottolineare anche le dotazioni tecnologiche, Isobus, Landini Farm, Landini Fleet & Remote Diagnostic Management, oltre alla connessione con il sistema di guida autonoma che permette, con l’ausilio di sensori integrati, la guida in parallelo automatica tra i filari.

 

REX4 Full Hybrid, l’elettrificazione avanza

Il processo evolutivo verso l’elettrificazione iniziato in casa Landini con il REX4 Electra-Evolving Hybrid prosegue con il REX4 Full Hybrid, concept dalla propulsione ibrida che combina un motore endotermico a un motore elettrico.

Il sistema Full Hybrid ha una potenza complessiva di 80 kW ed è caratterizzato dall’accoppiata di un motore endotermico 4 cilindri Deutz AG TCD da 2,9 litri da 55 kW con un booster elettrico a magneti permanenti. In modalità Full Electric – capace di raggiungere una potenza nominale di 50 kW (con un picco di 65 kW) – il trattore si muove senza l'ausilio del propulsore a combustione, quindi con zero emissioni, rumori e consumi di carburante. Esiste poi un motore elettrico addizionale che alimenta e controlla l'impianto idraulico.

Il motore endotermico è conforme alla normativa Stage V grazie al sistema di post trattamento richiesto e che, per questa fascia di potenza, prevede l’installazione dei soli dispositivi DOC e DPF.

REX4 Full Hybrid ha un'architettura che prevede una batteria che si ricarica con il propulsore elettrico – che nei momenti di basso carico di lavoro funge da generatore – oppure attraverso le colonnine di ricarica (plug-in).

Tutto il sistema è gestito da un controllo, PMS (Power Management System), che supervisiona i dispositivi elettrici, i flussi di potenza e identifica il punto ideale di funzionamento. La batteria dispone di una grande capacità per funzionare come ibrida e per garantire la necessaria autonomia in modalità Full Electric. Il motore endotermico, nei momenti di basso regime, provvede alla ricarica della batteria seguendo un algoritmo che bilancia i contributi energetici e attua la strategia più conveniente in base all’utilizzo, con la possibilità di recupero di energia dal veicolo durante decelerazioni e frenate, utilizzando il motore elettrico come generatore di ricarica. L'inversione di marcia, così come l’idraulica, viene gestita in modalità elettrica.

 

REX4 4 PLAT, il basso profilo virtuoso

Il Landini REX 4-080F si presenta con la grande novità della cabina Low Profile, omologata in categoria 4, in grado di migliorare ulteriormente la visibilità frontale e laterale. Il parabrezza frontale curvo assicura il controllo dell'ingresso tra i filari con chiome basse e delle operazioni con attrezzi frontali e ventrali. In questo modo il conducente non deve sporgersi, lavorando sempre in sicurezza, e beneficia di un buon isolamento acustico dall'esterno e di una buona temperatura interna grazie all'impianto di aria condizionata alimentato dal potente sistema di ventilazione. I filtri del climatizzatore, installati nella parte posteriore della cabina, consentono una pulizia semplice e rapida. La consolle di comando dell'aria condizionata è posta sul tetto, a sinistra del posto guida.

Oltre alla cabina, per tutti i modelli da 75 Cv presenti in gamma, la piattaforma beneficia di un cofano low-profile: le linee appiattite del dorso ne riducono di 55 mm l’altezza da terra rispetto ai modelli con potenze superiori, rendendo il REX 4-080 il trattore adatto per lavorare agilmente all’interno di serre e frutteti a tendone, o dalla chioma molto voluminosa.

 

Serie 5 con gestione avanzata dello sterzo 

Non solo REX4. Landini approda ad Hannover la Serie 5 (disponibile nei modelli 5-100, 5-110 e 5-120) con potenze comprese fra 95 e 114 Cv grazie all’innovativa generazione di motori FPT F36 da 3,6 litri, 4 cilindri e 16 valvole, omologati Stage V.

La trasmissione, con inversore elettro-idraulico Reverse Power Shuttle modulabile nell’innesto, è disponibile in più versioni: Speed Four 12 AV + 12 RM; T-Tronic 48 AV + 16 RM e tre marce powershift H-M-L RoboShift. Questa trasmissione, progettata, ingegnerizzata e realizzata interamente all’interno degli stabilimenti Argo Tractors di Fabbrico permette, per ogni gamma, una combinazione di 3 PowerShift con 4 marce che consente di avere 12 rapporti robotizzati a controllo automatico. Il tutto è gestito tramite SmartPilot Joystick, sfruttando la funzionalità di cambio automatico che favorisce la selezione della modalità desiderata (AutoField oppure AutoRoad). 

L’assale anteriore sospeso è unito alla nuova cabina sospesa meccanicamente, abbinamento che rende unica questa serie rispetto alla concorrenza. La struttura a quattro montanti permette una visibilità panoramica e all’interno tutti i comandi sono disposti in modo ergonomico sulla nuova console destra.

Ma la vera novità è data dall’introduzione, per la prima volta su questo modello, dell’ADS+ (Advanced Driving System+) che permette la gestione avanzata delle funzioni di sterzo, come ad esempio il riallineamento automatico delle ruote, oppure la gestione dello sterzo su terreni sconnessi, senza il continuo aggiustamento manuale della direzione. Tramite questa funzione la risposta del volante cambia in base alla velocità e alle condizioni del terreno.

Video

E' disponibile un video.
Per poterlo visualizzare, è necessario accettare i cookies di marketing di Youtube.
E' disponibile un video.
Per poterlo visualizzare, è necessario accettare i cookies di marketing di Youtube.

Gallery

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

23 - 28 luglio 2024 Luanda (Angola) FILDA
24 - 26 luglio 2024 Tokyo Big Sight East Hall (Giappone) TECHNO-FRONTIER
26 - 29 luglio 2024 Libramont (Belgio) LIBRAMONT
30 lug. - 1 ago. 2024 Jakarta (Indonesia) INAGRITECH