L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
Speciale

Sima 2017: il futuro è agricolo

"Come sarà l'agricoltore nei prossimi dieci anni" è il tema che anima il Salone francese dell'agrobusiness Sima 2017. Sono 1.770 gli espositori presenti e 300 le delegazioni internazionali attese. In esposizione i mezzi meccanici vincitori del concorso per le innovazioni tecniche. Fa gli eventi più rilevanti il summit Africa e il Villaggio Start-up

di Patrizia Menicucci
gennaio - febbraio 2017 | Back

Secondo il più recente Business Barometer del Cema - l’associazione europea dei costruttori di macchine per l’agricoltura - che registra il clima economico percepito dagli imprenditori della meccanica agricola, il prossimo semestre dovrebbe registrare un aumento degli ordini, soprattutto dai paesi extra-UE per quanto riguarda le attrezzature per la lavorazione del terreno e i dispositivi tecnici per l’allevamento.

La rassegna francese dell’agrobusiness Sima, in programma presso il quartiere fieristico di Paris Nord Villepinte, dal 26 febbraio al 2 marzo, costituisce una prima opportunità di verifica sul reale andamento del mercato agricolo in generale e di quello delle macchine agricole in particolare.

Un totale di 1.770 espositori da 42 paesi, tredici settori merceologici e 300 delegazioni internazionali attese, questi i numeri della rassegna francese, che nel 2015 è stata visitata da oltre 238.000 visitatori da 142 nazioni. Il profilo dei visitatori rilevato dagli organizzatori li descrive per il 72% agricoltori/allevatori, per il 12% concessionari/distributori/importatori e infine per l’11% imprenditori agricoli e forestali.

Sima 2017 propone un grande tema di dibattito “Essere un agricoltore nei prossimi 10 anni” con l’obiettivo immaginare come sarà l’attività agricola nell’era digitale, se con l’avvento della robotica  ci sarà ancora un uomo a condurre un trattore, quale saranno i nuovi modelli di bioeconomia e di selezione varietale ed animale in ambito genomico. L’argomento è declinato in numerose iniziative organizzate direttamente dal salone o in collaborazione con vari partner. 

Viene fatto rientrare in questo “esercizio di lettura e comprensione” anche il tradizionale premio per l’innovazione di mezzi e attrezzature agricole, che ha assegnato due medaglie d’oro, cinque medaglie d’argento e diciotto menzioni speciali. Le prime due sono state assegnate ai pneumatici 2-in-1 evolutionary Michelin (le parti di contatto del pneumatico cambiano a seconda che  il mezzo si muova su strada o in campo) e quello a pressione variabile Trelleborg (la pressione di gonfiaggio degli pneumatici anteriori varia in base al carico percepito dalla mietitrebbiatrice che li monta). Le medaglie d’argento sono andate al trattore a guida autonoma senza cabina Case IH Agriculture, alla trasmissione variabile idrostatica con powershift per sollevatori telescopici JCB Agri, al sistema intelligente di lubrificazione trattore e attrezzi connessi AutoLube di John Deere, al trattore autonomo polivalente New Holland, e infine al braccio decespugliatore con rotore elettrico Rousseau.

I riconoscimenti sono stati consegnati in una cerimonia tenutasi nel dicembre scorso a Parigi e le soluzioni tecnologiche innovative verranno esposte negli spazi dedicati della kermesse. Numerose le iniziative ospitate, fra le quali una relativa al continente africano. Nel 2015 i costruttori europei del Cema hanno sottoscritto un accordo con la FAO per la promozione di un più ampio utilizzo di macchine agricole nei paesi in via di sviluppo, in particolare in Africa dove la meccanizzazione è considerata la chiave per la crescita del settore primario. Il Sima propone sul tema un Summit Africa, che prevede due momenti: nella giornata inaugurale dell’esposizione, un incontro con ministri e rappresentanti di vari enti istituzionali agricoli di paesi africani che presenteranno i loro piani di sviluppo agricolo. Nella mattina di martedì 28 febbraio, una conferenza organizzata da Sima e Axema, con la partecipazione della Fao, che ha come titolo “Meccanizzazione agricola in Africa: quale strategia per andare avanti?”, con testimonianze di aziende attive nel continente.

Un altro evento è Il Villaggio Start-up - realizzato in collaborazione con la Ferme Digitale, associazione per la promozione dell’innovazione in agricoltura - che ha come aziende espositrici 15 start-up francesi e internazionali che propongono le loro soluzioni per lo sviluppo del comparto primario. A Parigi vengono illustrati questi progetti che vanno dai sensori per valutare la crescita e la salute delle piante nonché i costi di gestione delle macchine, a soluzioni per la gestione delle varie attività delle aziende agricole; ed ancora, a servizi di condivisione per acquisto e vendita di prodotti. Nell’area vengono organizzati workshop e seminari sull’agricoltura sostenibile, il futuro della distribuzione, la connessione delle macchine e gli investimenti in agricoltura.

Sul fronte incontri e dibattiti, l’associazione dei costruttori francese Axema organizza, in collaborazione con EurAEng, una conferenza dedicata agli studenti del comparto meccanico-agricolo su materiali e sistemi innovativi per un’agricoltura intensiva sostenibile (sabato 25 febbraio). Nella giornata di lunedì 27 febbraio si tiene poi  la giornata del rivenditore promossa dal Sima e dall’associazione francese delle imprese per servizi e distribuzione macchine agricole Sedima, che prevede in mattinata un seminario sul ruolo e la figura del concessionario nei prossimi dieci anni, e nel pomeriggio incontri “B2B” fra costruttori e dealer.

In contemporanea al Sima si tiene anche il salone Simagena, riservato all’allevamento, con 200 espositori, 250 bovini in esposizione, e con esemplari di 11 razze ovine (previste cinque vendite all’asta).

FederUnacoma presenta al Sima il programma delle sue attività per il 2017, nel corso di una conferenza stampa in calendario per lunedì 27 settembre (ore 15, Sala 515a). La Federazione partecipa al salone anche con il tradizionale spazio istituzionale, a disposizione dei visitatori e delle aziende associate, nell’area del Padiglione 5a (stand H 045). 

Al Sima sarà attivo un “networking wall” presso l’International Business Club (ammezzato Pad. 6) dove gli espositori potranno lasciare i loro biglietti da visita per essere contattati dagli operatori economici presenti. Ultima nota: il salone ha lanciato nei mesi scorsi una “caccia al tesoro” internazionale - chiamata #FINDSIMABOX - nascondendo una scatola Sima in dieci paesi in America, Europa ed Asia, e dando indizi sui social della rassegna per consentire di trovarle: i vincitori avranno in premio proprio un viaggio a Parigi per la manifestazione.

Gallery

TAGSIMA

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

23 - 28 luglio 2024 Luanda (Angola) FILDA
24 - 26 luglio 2024 Tokyo Big Sight East Hall (Giappone) TECHNO-FRONTIER
26 - 29 luglio 2024 Libramont (Belgio) LIBRAMONT
30 lug. - 1 ago. 2024 Jakarta (Indonesia) INAGRITECH