L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
Speciale

EIMA International, macchine agricole in pista

Sono 1.350 le industrie espositrici, 350 delle quali estere, attese a Bologna dal 19 al 23 ottobre per la 44ª edizione di EIMA International. La grande rassegna della meccanica agricola, l’unica di settore prevista per l’anno in corso, torna in presenza dopo le chiusure dettate dall’emergenza sanitaria

di Giovanni M. Losavio
ottobre 2021 | Back

EIMA International, la grande rassegna delle macchine, delle attrezzature e della componentistica per l’agricoltura e la cura del verde, in calendario a Bologna dal 19 al 23 ottobre, è la prima grande manifestazione di settore – l’unica prevista nell’anno in corso – che si tiene dopo le chiusure imposte dall’emergenza sanitaria.

La manifestazione della meccanica agricola, giunta alla sua 44ª edizione, si presenta ai nastri di partenza con ben 1.350 industrie espositrici – 350 delle quali estere, provenienti da 40 Paesi – che esporranno le loro gamme nei quattordici settori di specializzazione e nei cinque saloni tematici in cui si articola la kermesse bolognese (EIMA Componenti, EIMA Green, EIMA Energy, EIMA Idrotech ed EIMA Digital).

Il perdurare delle limitazioni vigenti per Paesi come Cina ed India comporta la mancanza di un numero cospicuo di case costruttrici estere, ma non influisce sulla vocazione internazionale dell’EIMA che, oltre agli espositori esteri, si prepara ad accogliere operatori economici da ogni parte del mondo. Grazie ai corridoi verdi e alle delegazioni organizzate dall’Agenzia ICE, oltre che agli accordi bilaterali con i singoli Paesi, sono presenti a Bologna oltre 300 delegati selezionati da 61 Paesi, che dal 19 al 23 ottobre sono impegnati negli incontri “business-to business” con le aziende, nei meeting informativi e nelle visite guidate. Delegazioni ufficiali sono confermate dall’Europa (il gruppo comprende 19 Paesi, da quelli appartenenti all’Unione Europea a quelli balcanici, fino alla Russia, Bielorussia, Armenia e Ucraina), dalle Americhe (14 Paesi in tutto, tra i quali Stati Uniti, Brasile, Colombia, Messico e Uruguay), dall’Africa (che ad oggi conta 14 Paesi partecipanti, a copertura della fascia settentrionale comprendente fra gli altri Egitto, Marocco e Tunisia, e di quella Sub-sahariana che annovera tra i partecipanti Etiopia, Kenya, Ghana, Tanzania e Uganda). L’area asiatica e mediorientale, infine, è rappresentata da 16 delegazioni, tra le quali quelle di Turchia, Israele, Corea del Sud e Iran.

Tema centrale dell’EIMA 2021 è, ancora una volta, quello relativo all’innovazione tecnologica. Riflettori puntati, dunque, sulle novità di prodotto presentate dalle industrie espositrici proprio nel quartiere fieristico bolognese e sulla tradizionale premiazione dei modelli vincitori del concorso Novità Tecniche, in mostra nell’area del Quadriportico. Tra le novità della 44ª edizione di EIMA International lo Show del Tractor of the Year, con i 14 trattori finalisti nelle tre categorie che premiano, oltre al trattore dell’anno, il “miglior specializzato” e il miglior modello utility. Nei quattro giorni della kermesse i visitatori potranno non soltanto ammirarli dal vivo ma anche vederli sfilare da una tribuna, in uno spazio scenografico appositamente attrezzato nell’area esterna compresa tra i padiglioni 35 e 37. Oltre all’esposizione delle gamme e delle novità di prodotto, la rassegna bolognese offre ai suoi visitatori un ricco calendario di iniziative tematiche. Dai workshop ai convegni, dai seminari agli incontri di approfondimento, sono già più di cento gli eventi programmati nei cinque giorni di svolgimento della kermesse da molti diversi soggetti: case costruttrici, associazioni di settore, amministrazioni e istituzioni, atenei. 

«La 44ª edizione di EIMA International si ripresenta agli operatori economici, ai buyer e ai numerosissimi appassionati con la consapevolezza sempre più forte circa il valore e l’insostituibilità degli eventi in presenza. I quali – commenta il direttore generale di FederUnacoma, Simona Rapastella – sono tanto più strategici per un settore come quello della meccanica agricola nel quale fattori come l’esperienza diretta del prodotto e le relazioni interpersonali ‘vis à vis’ sono decisivi per il successo degli incontri d’affari». Per questo gli organizzatori di FederUnacoma, d’intesa con BolognaFiere, hanno fissato severi standard di sicurezza per l’accesso al quartiere fieristico, riservato esclusivamente i titolari di Green Pass previo rilevamento della temperatura corporea. Due presidi sanitari sono stati allestiti presso gli ingressi Costituzione e Michelino per lo svolgimento di tamponi antigenici a titolo gratuito.

All’interno degli spazi espositivi – ricorda FederUnacoma – è fatto obbligo ai visitatori di indossare la mascherina chirurgica. Per evitare assembramenti, gli orari di apertura dei locali espositivi sono stati dilatati, prevedendo l’apertura alle 8.30 e la chiusura alle 19.30. Altra novità è quella relativa ai biglietti: potranno essere acquistati soltanto online, evitando così che il formarsi di code davanti alle biglietterie fisiche, dove saranno comunque presenti servizi di assistenza e orientamento per i visitatori. Sempre nell’ottica di prevenire l’affollamento dei locali espositivi, è stata potenziata e razionalizzata l’offerta di bar e punti ristoro permettendo così accessi scaglionati nel tempo.

Video

E' disponibile un video.
Per poterlo visualizzare, è necessario accettare i cookies di marketing di Youtube.

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

25 - 27 giugno 2024 The NEC, Birmingham (UK) GLEE
28 giu. - 13 lug. 2024 Mwalimu Nyerere International Fair Ground, Dar es Salaam (Tanzania) SABA SABA