Mondo Macchina: l'informazione dedicata alla meccanizzazione per
l'agricoltura, il giardinaggio e il movimento terra.
Versione ItalianaEnglish Version

Anno 2019 Numero 5-6

Primo Piano
maggio - giugno 2019

Revisione macchine agricole: proroga al giugno 2021

Pubblicato sul sito del Ministero dei Trasporti il testo di un provvedimento che definisce una nuova tempistica per la revisione delle trattrici e delle altre tipologie di macchine munite di targa. Slitta di due anni il termine per la revisione del primo scaglione di mezzi, quelli immatricolati prima del 1983, ma ancora mancano quei decreti attuativi che sbloccherebbero le procedure di controllo

L’attuazione del provvedimento legislativo per la revisione obbligatoria delle macchine agricole è ancora “in itinere”. Il Decreto interministeriale del 20 maggio 2015, che recepiva le disposizioni del Nuovo Codice della Strada introducendo l’obbligo di revisione periodica delle macchine agricole, e che prevedeva la messa in regola dei mezzi a partire dal 31 dicembre 2015, non è ancora operativo per la mancanza dei Decreti applicativi che debbono definire le modalità della revisione. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il Ministero delle Politiche Agricole, ha intanto prorogato i tempi per la messa in regola delle macchine (il documento di proroga è pubblicato sul sito del Ministero dei Trasporti ed è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale).

Dopo quasi quattro anni dall’approvazione del Decreto originario, i termini per i controlli obbligatori sui mezzi agricoli vengono dunque ulteriormente rinviati, e viene definito un nuovo calendario degli adempimenti per i possessori delle trattrici e delle altre tipologie di mezzi targati (mietitrebbie, motoagricole, rimorchi ed altre macchine operatrici).

Le trattrici e le altre tipologie di macchine immatricolate entro il 31 dicembre 1983 – questo il calendario stabilito nel documento congiunto dei due Ministeri – dovranno sottoporsi alla revisione entro il 30 giugno 2021, e i veicoli immatricolati dal 1° gennaio 1984 al 31 dicembre 1995 dovranno farlo entro il 30 giugno 2022. I veicoli immatricolati da l 1° gennaio 1966 al 31 dicembre 2018 dovranno passare la revisione entro il 30 giugno 2023, mentre per i mezzi immatricolati dal 1° gennaio 2019 in poi l’obbligo incorre dopo cinque anni dalla data d’immatricolazione.

«Il nuovo provvedimento dispone uno slittamento dei tempi per la revisione – commenta il presidente di FederUnacoma Alessandro Malavolti – ma semplifica le tempistiche accorpando le varie tipologie di macchine e stabilendo per ogni scaglione un preciso calendario degli adempimenti, un calendario che tuttavia resta ancora virtuale in mancanza dei decreti attuativi».

«Questo provvedimento era comunque necessario – osserva ancora il Presidente della Federazione dei costruttori di macchine agricole – per uscire dalla confusione che si era creata proprio per il fatto che il Decreto legge originario aveva fissato dei termini entro cui effettuare la revisione, termini che senza i provvedimenti attuativi non era possibile rispettare».

Quando l’iter del Decreto sarà completato si avvierà finalmente il processo di messa in sicurezza del parco macchine operante in Italia – specifica il Servizio Tecnico della Federazione – che solo per le trattrici conta circa due milioni di unità in gran parte vecchie di oltre trent’anni: la revisione dovrà certificare i requisiti minimi in termini di impianto frenante, di efficienza degli pneumatici, di funzionamento dei gruppi ottici e di altre parti essenziali per il corretto funzionamento della macchina, puntando a ripristinare le caratteristiche tecniche che il mezzo aveva all’atto della sua omologazione.

«I mezzi meccanici di nuova generazione hanno standard di sicurezza molto più elevati che nel passato – conclude Malavolti – ma la revisione dei mezzi vecchi deve essere comunque realizzata, perché rappresenta un passo verso la sicurezza nella circolazione stradale e nel lavoro agricolo, e costituisce per tutti, prima che un obbligo giuridico, un impegno morale».

a cura della Redazione

Potrebbe interessarti anche

Primo Piano
maggio - giugno 2019

Fiera RIVE, la partnership FederUnacoma

Manifestazioni
gennaio - febbraio 2019

Motori pronti per Expoagro 2019

Attualità
gennaio - febbraio 2019

Furti di macchine agricole, un giro da 300 milioni

Primo Piano
luglio - agosto - settembre 2018

Assemblea FederUnacoma: una agenda per la meccanizzazione agricola

Primo Piano
luglio - agosto - settembre 2018

Le sfide del settore: audizione in Senato per FederUnacoma

International Agriculture, Forestry and Horticulture Exhibition 26 - 29 luglio 2019 Libramont (Belgio)
foire@foiredelibramont.com
INAGRITECH 28 - 30 luglio 2019 Jakarta (Indonesia)
info@gem-indonesia.com