Mondo Macchina: l'informazione dedicata alla meccanizzazione per
l'agricoltura, il giardinaggio e il movimento terra.
Versione ItalianaEnglish Version

Anno 2018 Numero 10-11

Primo Piano
ottobre - novembre 2018

Mercato trattrici: uno scenario disomogeneo

L'andamento delle vendite nei primi nove mesi dell'anno evidenzia significativi incrementi in India, Stati Uniti e Canada, mentre in calo risultano Giappone, Brasile e Turchia. Mercato europeo in flessione per quanto riguarda Francia, Germania e Spagna

Dopo aver registrato nel 2017 un incremento complessivo del 13% a livello globale, con oltre 2 milioni di unità vendute, il mercato delle trattrici mostra nell’anno in corso alcune criticità determinate da fattori economici che hanno condizionato alcuni importanti Paesi. I dati relativi ai primi nove mesi dell’anno – forniti da Agrievolution, l’organizzazione che rappresenta le associazioni di costruttori di macchine agricole dei maggiori Paesi – evidenziano andamenti differenti da Paese a Paese. In India, mercato che da alcuni anni si è imposto come il maggiore a livello mondiale per numero di trattrici vendute (circa 600 mila l’anno) le vendite hanno evidenziato un ulteriore forte incremento (+18%) rispetto allo stesso periodo del 2017. Non ancora disponibili sono i dati sull’andamento del mercato cinese nel primo semestre dell’anno (la Cina rappresenta dopo l’India il secondo più grande mercato e nel 2017 ha raggiunto un totale di circa 500 mila trattrici vendute sul territorio nazionale), mentre il mercato del Giappone risulta in calo del 9%. Con la moneta deprezzata (ha perso il 40% da inizio anno) e un’inflazione che a settembre ha toccato il 24,5%, il mercato turco risulta in calo del 29%. Le vendite di trattrici in Russia sono scese del 3%. Mentre in Brasile il rallentamento dell’economia e le incertezze legate alle elezioni presidenziali hanno portato il mercato ad un ristagno delle vendite (+0,3%).

In fase positiva appare invece il mercato nordamericano, con buone performance di Stati Uniti (+8%) e Canada (+3%). In Europa Occidentale il mercato delle trattrici ha mostrato un andamento complessivamente calante, con una flessione del 5% nei primi nove mesi del 2018. Anche in questo caso si evidenziano andamenti differenti tra i vari Paesi: nel consuntivo di settembre si evidenziano cali significativi in Francia (-8%), in Germania (-9%) e in Spagna (-10%), mentre il Regno Unito sembra mostrare un certo recupero, forte probabilmente del cambio favorevole, e segna una crescita intorno al 7%. Nelle valutazioni di FederUanacoma - la federazione che rappresenta l’industria italiana di settore, una delle maggiori a livello mondiale con una presenza sui mercati di tutto il mondo e quindi con una percezione abbastanza fedele dell’andamento nelle diverse regioni - lo scenario potrebbe complicarsi nel futuro prossimo giacché, pure in presenza di una domanda di macchinario a livello globale potenzialmente crescente, le difficolta nelle relazioni commerciali bilaterali fra alcuni Paesi e l’applicazione di politiche doganali restrittive rischiano di bloccare parte dei flussi commerciali.

a cura della Redazione

Keywords: Mercato Trattori

Potrebbe interessarti anche

Primo Piano
marzo - aprile 2019

Il Mediterraneo, un mercato promettente

Primo Piano
marzo - aprile 2019

Puglia: cresce la domanda di meccanizzazione

Mercati
gennaio - febbraio 2019

Trattori, in Sudafrica riparte il mercato

Primo Piano
gennaio - febbraio 2019

Mercato Italia ridimensionato nel 2018

Primo Piano
ottobre - novembre 2018

Mercato Italia: bilancio a settembre ancora negativo

AGRI VIETNAM 26 - 28 giugno 2019 Salgon Exhibition and Convention Center (SECC) Ho Chi Minh City (Vietnam)
mike.tran@veas.com.vn