L'informazione sulla meccanizzazione per l'agricoltura, il giardinaggio, componentistica e multifunzionalità.
Reportage

Agritechnica: il ricco medagliere John Deere

Dai supporti didattici per la formazione degli operatori ai sensori delle trince che regolano lo spazio tra la lama e la controlama del rotore; dai dispositivi intelligenti per le svolte dei trattori a fine campo alle telecamere 3D, Agritechnica ha premiato le tecnologie John Deere con ben tredici medaglie

di Giovanni M. Losavio
dicembre 2015 | Back

 

Con tre medaglie d’oro e dieci d’argento l’edizione 2015 di Agritechnica segna il successo delle innovazioni firmate John Deere. Ecco tutte le tecnologie premiate dal Comitato innovazione della Società Tedesca per l’Agricoltura con medaglia d’oro. Il John Deere “ProCut” è un sistema di sensori ad alta precisione che, integrato nella controlama delle trince semoventi, monitora e regola lo spazio tra la lama e la controlama del rotore di taglio quando la trincia è in movimento al quale è andato il massimo riconoscimento della giuria tecnica di Hannover, insieme con i sistema di gestione connessa dei principi nutritivi, un dispositivo pensato per macchine e attrezzature destinate alla fertilizzazione, che assicura grande precisione nella distribuzione delle sostanze minerali e biologiche (azoto e fosfato), dosando le quantità in funzione delle effettive necessità del terreno. Medaglia d’oro anche per il sistema John Deere di protezione del raccolto con gestione della distribuzione di pesticidi. Si tratta di una soluzione messa a punto per macchine e attrezzature destinate alla protezione delle colture; un supporto decisionale intuitivo grazie al quale è possibile distribuire in modo preciso e tempestivo i prodotti di protezione delle coltivazioni.

Per quanto riguarda le innovazioni premiate con una medaglia d’argento, sono da segnalare, in primo luogo l’”EZ Ballast”, un sistema flessibile che consente di collegare velocemente, dalla cabina dell’operatore, una zavorra da 1,7 tonnellate alla parte inferiore del telaio del trattore. EZ Ballast non riduce la luce libera e ottimizza la distribuzione del peso, con grandi benefici dal punto di vista della produttività e dei costi operativi; in secondo luogo l’”iTEC AutoLearn”, un dispositivo intelligente per le svolte dei trattori a fine campo. Infatti, iTEC AutoLearn rileva in automatico tutte le azioni compiute dall’operatore, memorizzando i comandi utili e riproponendoli nelle situazioni opportune. La Trazione integrale intelligente, anch’essa premiata con medaglia d’argento, gestisce la distribuzione della forza di trazione sui trattori a quattro ruote motrici, attivando o disattivando la trazione integrale in base al carico sull’assale, allo slittamento delle ruote e alla velocità corrente del trattore; insieme ad essa va citato il sistema di telecamere 3D, progettato per tenere sotto controllo l’area circostante la macchina, che offre fino a sei tipi diversi di visualizzazione per migliorare la sicurezza operativa dei trattori e dei macchinari per la mietitura,e che aumenta la sicurezza durante le manovre, l’uso del caricatore frontale e le operazioni di trasporto. Da segnalare anche l’”Integrated Combine Adjustment 2” (ICA2), un sistema integrato user friendly che ottimizza le regolazioni della mietitrebbia, riducendo le perdite e migliorando la qualità della granella; il simulatore di mietitrebbia premium “GoHarvest”, uno strumento per l’addestramento degli operatori particolarmente valido perché ricrea l’ambiente operativo delle mietitrebbie, rendendo possibili esperienze di guida e di mietitura “autentiche”. Con questo dispositivo l’operatore può apprendere tutti i “segreti del mestiere” in modo graduale, con moduli individuali a complessità crescente; il John Deere “Active Yield”, che gestisce in automatico gli interventi di calibrazione necessari alla misurazione della resa, con un considerevole risparmio di tempo (con Active Yield  non è più necessario pesare manualmente i campioni per ottenere la massima precisione nella misurazione). “Active Fill Control Sync”, infine, è un sistema dotato di funzioni integrate di comando “intelligente” del tubo di lancio e di sincronizzazione in tempo reale tra la trincia ed il rimorchio, che agevolano il lavoro durante le operazioni di riempimento in campo; cui si aggiunge il sistema di controllo di qualità con automazione sul campo per John Deere “ExactEmerge”, che consiste in una soluzione completa di controllo qualità che, grazie ad appositi sensori, copre tutti i sottoprocessi della semina. ExactEmerge integra inoltre nuove sistemi di automazione che migliorano significativamente la distribuzione delle piante ed il posizionamento dei semi in funzione delle diverse condizioni, consentendo all’operatore di avere più tempo per concentrarsi sulle operazioni di semina vere e proprie. Ultima novità premiata, il sistema di dissodamento automatico con “TrueSe”, che consente di gestire dalla cabina del trattore tutte le regolazioni principali di un’attrezzatura combinata per il dissodamento. Quando viene modificata la regolazione di uno dei componenti principali, TrueSet adatta automaticamente le regolazioni degli altri attrezzi.

Gallery

I PIÙ LETTI degli ultimi numeri

GLI APPUNTAMENTI della meccanizzazione

24 - 27 maggio 2022 Crocus Expo Mosca BAUMA CTT MOSCOW
25 - 27 maggio 2022 BITEC, Bangkok HORTI ASIA
25 - 27 maggio 2022 Bitec, Bangkok AGRITECHNICA ASIA
25 - 27 maggio 2922 Tashkent (Uzbekistan) AGROEXPO UZBEKISTAN
26 - 28 maggio 2022, Millennium Centre Addis Abeba (Etiopia) ADDISBUILD